Una terra nata dalla furia della natura, un'enorme catastrofe che ha lasciato il segno su un intero periodo storico e ha creato uno dei paesaggi più straordinari del pianeta.

Santorini, questa pietra preziosa sulla corona dell'Egeo, con i dirupi scoscesi di mille colori, la maestosa caldera incoronata da villaggi pittoreschi, i famosi tramonti e le singolari spiagge di ciottoli e sabbia di tutti i colori possibili e immaginabili, costituisce una delle destinazioni più famose al mondo, frequentata da gente che non smette di cercare la sua magia neanche nei mesi invernali.

Come una mezzaluna che galleggia sulla parte meridionale delle Cicladi, Santorini, ufficialmente chiamata Thira, non è altro che un piccolo complesso di isole insieme a Thirasià, la microscopica Aspronisi e gli isolotti di Palià e Nea Kameni.

In pratica, questo complesso segnala il fatto che circa 3600 anni fa Santorini era un'isola più grande e rotonda, peraltro nota come "Strogghyli" (in greco, "rotonda"). La gigantesca esplosione del vulcano nel 1653 a.C., che ha fatto scomparire la civiltà minoica, ha determinato l'implosione del centro di Strogghyli, lasciandosi alle spalle un enorme cratere sommerso e dirupi scoscesi che oggi costituiscono il marchio depositato dell'isola.

Le tracce della sconvolgente storia dell'isola sono rilevabili sullo straordinario rilievo del paesaggio, dall'altezza elevata della caldera da cui la vista sull'intero Egeo è semplicemente mozzafiato, sulle sculture rocciose che ornano quasi tutte le spiagge e sugli straordinari reperti archeologi di Akrotiri.

  • view_headlinePunti di interesse e percorsi
    • Tra le destinazioni preferite di Santorini si trovano i centri abitati della caldera, Firà, la capitale dell'isola, Firostefani e Imerovigli. Uniti e unici per l'estetica, l'architettura e la loro vicinanza al vertiginoso precipizio della scogliera vulcanica, forniscono occasioni per fare infinite passeggiate, shopping nei negozietti e cene incantevoli negli eleganti ristoranti e bar. Fate un giro nella piazza centrale Ypapantìa di Firà per ammirare la vista meravigliosa con la massa nera di Nea Kameni che domina in mezzo al golfo sottostante.
    • Non tralasciate di visitare il Museo della preistoria di Thira per vedere i reperti dell'abitato preistorico di Akrotiri tra cui si trovano alcuni mosaici e affreschi straordinari provenienti dalle sue abitazioni. Lì vicino c'è anche il Centro Culturale Beloneio, con mostre d'arte e di fotografia, oltre al bellissimo Palazzo Gkyzi che ogni estate ospita straordinarie esposizioni, conferenze, concerti e proiezioni cinematografiche all'aperto.
    • Nella parte settentrionale di Firà si trova la stazione della teleferica che vi porterà al Porto Vecchio da cui si prende il battello per vivere un'altra delle straordinarie esperienze offerte da Santorini, la visita al vulcano.
    • Se vi piace camminare, dedicate 20 minuti per esplorare il ciglio della scogliera fino al "Balcone di Santorini", la meravigliosa Imerovigli, dove vi troverete sul punto più alto della caldera di Thira. Ammirate l'architettura unica delle caratteristiche case, con i sotterranei scavati nella roccia e le verande che si affacciano sulla scogliera, e camminate fino a Skaro, la roccia imponente e solitaria con la microscopica chiesetta di Theoskepasti. Quel punto strano che fuoriesce dalle pareti della caldera era una volta una cittadella fortificata, immortalata su un'incisione di Thomas Hope oggi esposta al Museo Benaki, abbandonata dagli abitanti dopo il terremoto terribile del 1650 per fondare la città di Firà. Da quel punto, all'ora del tramonto, si vedono le placide forme di Folegandros e di Sikinos che salutano il sole in vostra compagnia...
    • Ad appena 10 km a nord di Imerovigli, Oia è per molti la protagonista assoluta dell'isola. Distesa sul lato nord della caldera, è famosa per i suoi tramonti che in estate potrete seguire in compagnia di centinaia di visitatori. La strada centrale in marmo di questo paese con i meravigliosi ristoranti, i negozi colorati, le dimore signorili dei capitani di mare, le caratteristiche chiese e i vicoli in discesa con le "canave" (le abitazioni scavate nella roccia), testimoniano la storia della fiorente Oia quando le navi della "Parte Alta" (com'era chiamata Oia in passato) solcavano il Mediterreaneo trasportando nelle grandi città il Vinsanto, il dolce vino locale. Visitate il Museo Navale, ospitato in un palazzo ristrutturato del XIX secolo per imparare qualcosa sul passato marinaresco dell'isola. Non tralasciate di fermarvi nelle chiese bianche e azzurre di San Giorgio, Stavroù, San Nicola e della Madonna di Platsanì.
    • Un giro ad Ammoudi, un paesino di pescatori dalle dimensioni veramente piccole, 219 gradini sotto Oia (ci si può andare anche in auto), riserva delle sorprese gastronomiche straordinarie nelle piccole taverne lungo il mare e anche meravigliosi tuffi dalla roccia solitaria di Aghios Gheorghios.
    • Per gli amanti delle scoperte, i 291 gradini che partono dal ristorante Skala a Oia, conducono ad un altro microscopico porticciolo, Armeni. Qui, ci si può rilassare in una piccola taverna o fare tuffi rinfrescanti nel golfo tranquillo di Armenaki.
    • Fermatevi ad Akrotiri per visitare uno dei siti archeologici più importanti del Mediterraneo orientale, l'abitato preistorico di Akrotiri, che gli archeologi hanno rivelato negli anni '60 alimentando la leggenda che Santorini fosse il luogo dell'antica Atlantide. Sentitevi un po' come... Indiana Jones girando sotto la struttura gigantesca che protegge il sito, lungo i vicoli di un quartiere preistorico, nella via dei Telchini e nella splendida Piazza Triangolare con le antichissime dimore ricostruite che celavano preziosi affreschi. Prima di salutare Akrotiri recatevi al castello veneziano per vedere nella torre La Ponta l'esposizione di antichi strumenti musicali o per seguire in qualche laboratorio il modo in cui erano prodotti.
    • Ai più romantici, Santorini riserva al suo interno placidi paesaggi caratteristici. Il villaggio medievale di Pyrgos, per molti il paese più bello dell'isola, si trova a 10 km a sudest di Firà. Con il suo imponente Kasteli, la sorprendente architettura labirintica, la fresca e caratteristica piazza e i pochi ma eccellenti ristoranti meritano sicuramente la vostra attenzione.
    • Poco più a sud, la splendida Megalochori con la sua grande piazza, i cortili fioriti, i bei vicoli e i ristoranti tipici sono un rifugio inatteso, caratteristico e sereno. Da qui, si possono scoprire alcuni dei segreti ben nascosti di Santorini, le spiagge Kaldera, Thermie Plaka (che ha preso il nome dalla splendida chiesetta scavata nella roccia della Madonna di Plaka) che si trovano ai piedi della scogliera di Megalochori e sono accessibili unicamente a piedi.
  • view_headlineNon dimenticatevi di...
    • Espolorare le meravigliose spiagge dalla caratteristica sabbia nera di Santorini, che si trovano soprattutto sul lato est dell'isola. Mondane, organizzate e molto frequentate le spiagge di Kamari, Perissa e Perivolos sono l'immagine diffusa dell'estate greca con i comodi lettini e i beach bar. Più a nord, la gente è attirata dalla spiaggia di Monolithos e anche dalla piccola Yalòs mentre, vicino a Oia, sulla parte settentrionale dell'isola si trovano le spiagge tranquille di Baxedes e la grande spiaggia di Koloumbou con il cratere sommerso. A sud, si trovano spiagge multicolori: la nota Kokkini, dalla sabbia rossa e Lefkì, dai sassolini tutti bianchi, mete molto amate dai visitatori. Accanto, scoprirete la "segreta" Mesa Pigadia dal paesaggio lunare, Kampià e l'isolata Almyra. Sul lato meridionale dell'isola ci sono anche Vlychada, una "gliptoteca" all'aperto di rocce scolpite, e a fianco l'altrettanto isolata spiaggia bianca Eros con il suo esotico beach bar.
    • Programmare una visita alla caratteristica Thirasià, un'isola dimenticata dal tempo, con le belle taverne sul lungomare di Riva, le sue abitazioni scavate nella roccia di Agrylià e le spiagge di ciottoli.
    • Visitare il vulcano. I battelli che partono da Athiniò, dal Porto Vecchio e da Ammoudi e portano a Nea Kameni per fare una passeggiata sulla terra nera e riarsa e a Palià Kameni per un tuffo nelle acque calde solforose del vulcano.
    • Con una tradizione vitivinicola vecchia di 3200 anni e una varietà unica di vitigni che riescono a crescere su questo terreno vulcanico, povero di acqua e di sostanze nutritive, Santorini è uno dei luoghi più importanti della Grecia nella produzione vinicola. Non tralasciate di visitare alcune delle belle cantine con le fresche grotte scavate nella roccia - dove spesso si svolgono mostre d'arte - per assaggiare il vino bianco dell'isola, leggermente asprigno, e le rinomate varietà di asyrtiko, aidani, athiri, mavrotragano e mantilarià, oltre al famoso dolce Vinsanto. In molte cantine troverete anche specialità locali con i prodotti più genuini dell'isola, un'esperienza indispensabile per i gourmet che vogliono conoscere la cultura gastronomica di Santorini. La maggior parte delle cantine visitabili si trova nella zona di Megalochori e di Exo Gonià.
  • view_headlineSantorini: arrivare e partire

    Viaggiate da e verso Santorini con ANEK LΙΝES, e godetevi un viaggio stupendo con tutta la qualità del prestigio e dell'esperienza di una delle maggiori compagnie marittime del Mediterraneo.

    Anek collega Santorini al Pireo e ad altre destinazioni con la Linea Cicladi-Creta-Dodecanneso (Pireo, Milos, Santorini, Anafi, Iraklio, Siteia, Kasos, Karpathos, Diafani di Karpathos, Chalki, Rodi), una rotta circolare, con servizi di alta qualità e l'ospitalità autentica cretese durante la navigazione.

    La moderna flotta e l’equipaggio altamente qualificato dell’ANEK promettono una piacevole permanenza a bordo, nel rispetto delle necessità e delle esigenze del moderno viaggiatore. Le navi dell’ANEK sono dotate di spaziose cabine di tutte le categorie, di spazi comuni confortevoli e climatizzati che offrono numerose opzioni di svago, negozi moderni, ristoranti gourmet e bar-caffè.

    E’ stata dedicata particolare attenzione alla gastronomia, con menù selezionati che esaltano i prodotti genuini e i sapori della cucina cretese e mediterranea. Sulle navi dell’ANEK è disponibile il servizio internet 24 ore al giorno (wi-fi e Internet Corner) in spazi appositamente studiati.

    Scoprite qui come acquistare al prezzo migliore i biglietti per i traghetti e le imperdibili offerte, valide tutto l’anno, per i biglietti di solo passaggio e di sistemazione in cabina.

  • view_headlineArrivando a Santorini

    La nave dell'ANEK attracca al porto di Athiniò, che si trova sul lato orientale dell'isola, 4 chilometri a sudovest della città di Firà. Il porto è collegato a Firà e alla maggior parte dei centri abitati dell'isola tramite autobus e taxi.

    ANEK offre la possibilità di trasportare in modo affidabile ed economico il vostro mezzo di trasporto (auto, moto, roulotte, camper) per godersi le esplorazioni indimenticabili on the road in tutta l'isola. Allo stesso tempo, offre la possibilità di partire da Santorini per raggiungere facilmente Creta (Irakleio, Siteia) e il Dodecaneso (Kasos, Karpathos, Chalki, Rodi).

  • view_headlineTelefoni utili
    ANEK LINES - Ufficio prenotazioni centrale: 0030 210 4197400, 0030 210 4197420 Agenzia Centrale di Santorini ANEK LINES - PELICAN TRAVEL (a Firà): 0030 22860 22220 Comune di Thira: 0030 22860 22231 Ufficio di Polizia (Firà): 0030 22860 22649 Capitaneria di Thira: 0030 22860 22239 Ufficio Postale (Firà): 0030 22860 22238 Centro sanitario (Firà): 0030 22860 60300 Poliambulatorio Centrale di Santorini: 0030 22860 21728 Autobus KTEL di Santorini: 0030 22860 25404 e 25462 Radiotaxi: 0030 22860 22555 Ufficio informazioni: 0030 2286025940

Destinazioni multiple
clear
keyboard_arrow_down
keyboard_arrow_down
date_range
date_range
people
directions_car
pets

Altre Offerte
arrow_upward